Pay as you fly è la soluzione al disagio dei rimborsi?

Uno sguardo a questa modalità

Le compagnie aeree dovrebbero offrire tariffe “pay as you fly”?

Il ministro dei Trasporti tedesco, Bernd Althusmann della Bassa Sassonia, ha rinnovato l’invito a introdurre i biglietti aerei “pay as you fly” (PAYF). Althusmann ha dichiarato al quotidiano tedesco Handelblatt: “Ai viaggiatori verrebbero risparmiate molte seccature”, riferendosi alle lunghe attese dei viaggiatori per ottenere il rimborso dei voli cancellati. “L’attuazione della nostra iniziativa comporterebbe solo lievi costi aggiuntivi per le compagnie aeree“.

Le osservazioni di Althusmann hanno suscitato l’interesse del Ministero federale tedesco per l’Ambiente e la Protezione dei Consumatori e dell’Associazione tedesca dei Viaggi d’Affari (VDR). “Il pagamento anticipato per i viaggi aerei è uno standard superato che dovrebbe essere sostituito da un pagamento elettronico tempestivo”, ha commentato il presidente della VDR Christoph Carnier.

Lufthansa ha effettivamente lanciato le tariffe aeree PAYF per tutti i suoi clienti aziendali europei nel marzo 2021, anche se ha debuttato il concetto per la prima volta nel 1997 con Siemens, estendendolo a pochi altri grandi clienti aziendali. Cosa ha spinto Lufthansa a espandere notevolmente il PAYF nel marzo 2021 a tutti i clienti aziendali con sede in Germania, Austria e Svizzera per i voli nazionali e intraeuropei?

La pandemia e la conseguente difficoltà per i viaggiatori (comprese le aziende) di ottenere rimborsi per i voli cancellati hanno rappresentato un momento di svolta, soprattutto per le aziende con problemi di liquidità e spese di viaggio significative. Le compagnie aeree si sono opposte al pagamento dei rimborsi in contanti, data l’emorragia di denaro, ma questo ha fatto sì che i problemi di liquidità venissero trasferiti ai viaggiatori e alle aziende. Solo dopo una notevole pressione da parte delle autorità europee di cooperazione per la tutela dei consumatori, le compagnie aeree europee hanno rimborsato i voli cancellati COVID-19 e i voucher indesiderati.

È stato un punto particolarmente dolente per le compagnie che hanno sofferto per il fallimento di Air Berlin nel 2017, poiché i biglietti non utilizzati sono diventati immediatamente privi di valore. Queste perdite combinate e il risanamento finanziario di Lufthansa grazie a un salvataggio di 9 miliardi di euro (che la compagnia ha rimborsato prima del previsto) hanno spinto l’Associazione tedesca dei viaggiatori d’affari a spingere per l’estensione delle tariffe Lufthansa PAYF ai clienti aziendali, come modo per garantire alle aziende di non dover lottare per ottenere il rimborso dei voli cancellati dalla compagnia.

Da notare che le tariffe PAYF sono disponibili solo per le classi tariffarie più alte (il che le rende adatte ai viaggiatori aziendali che spesso prenotano prima della data del viaggio e pagano tariffe più alte rispetto ai viaggiatori di piacere). Una tariffa PAYF è spesso doppia o tripla rispetto alla tariffa Economy Light più bassa di Lufthansa e leggermente superiore alla Economy Comfort, ma inferiore alla tariffa Economy Flex.

Perché è improbabile che le compagnie aeree adottino la tariffa PAYF per i clienti leisure

Sebbene molti passeggeri vorrebbero pagare il volo solo al momento del check-in, sia online prima del volo che in aeroporto, è improbabile che ciò diventi presto un’opzione, per alcuni motivi:

  1. Le compagnie aeree avrebbero difficoltà a pianificare il carico di passeggeri e le entrate: anche se la maggior parte delle compagnie aeree effettua un po’ di overbooking, pensando che alcuni passeggeri non si presenteranno o non riusciranno a prendere il volo, ciò si basa ancora su biglietti principalmente non rimborsabili per la stragrande maggioranza dei viaggiatori. Anche se le condizioni contrattuali stabiliscono che un biglietto PAYF non è rimborsabile, una compagnia aerea potrebbe non essere in grado di riscuotere quanto dovuto quando si tratta di viaggiatori leisure.
  2. Un viaggiatore di piacere può cancellare la carta di credito utilizzata per la prenotazione del volo prima che questo abbia luogo. Mentre i viaggiatori preoccupati per il loro punteggio di credito presumibilmente non lo farebbero, ci sono probabilmente abbastanza viaggiatori senza scrupoli che proverebbero a farlo, causando un enorme mal di testa finanziario e logistico per le compagnie aeree che cercano di riscuotere quanto dovuto. Il pagamento anticipato aiuta a garantire che la maggior parte dei viaggiatori si presenti al volo, piuttosto che perdere il proprio investimento.

Il PAYF rappresenta uno svantaggio competitivo per le compagnie aeree che lo adottano, a causa del maggiore onere finanziario e della maggiore difficoltà di pianificazione dei fattori di carico. È improbabile che una compagnia aerea lo adotti per i viaggiatori leisure, a meno che non percepisca un guadagno nel non fornirlo, ad esempio perché sta perdendo una quota di mercato significativa tra i viaggiatori d’affari ad alto profitto le cui aziende hanno spostato la spesa su una compagnia aerea concorrente che offre il PAYF. Ma i viaggiatori di piacere non sono altrettanto redditizi.

Quindi ad oggi, nonostante i titoli in evidenza sui giornali di settore, è molto improbabile che le compagnie aeree siano incentivate a offrire tali tariffe per i viaggi di piacere e sappiamo bene che spesso l’onere di richiedere il risarcimento spetta all’agente di viaggio che però rafforza ancor di più il suo ruolo di riferimento per il proprio cliente.

Clicca qui per leggere l’articolo originale

Read more about articoli della categoria Mercato

Il lavoro in agenzia viaggi è sempre più complesso

Un'estate davvero complicata per gli agenti di viaggio alle prese con ritardi, cancellazioni e un mercato tariffario schizofrenico.

Noleggio auto: estate 2022 a rischio

Il caos del back to travel sta coinvolgendo diversi attori del travel, dagli hotel in mancanza di personale agli aeroporti impreparati per gestire i flussi di viaggiatori pre covid.

La ripartenza dei viaggi negli Stati Uniti

Finalmente il giorno tanto atteso è arrivato: ieri lunedì 8 novembre è stato il giorno che ha segnato la ripartenza dei viaggi negli Stati Uniti. Tuttavia sono numerose le regole da rispettare per poter intraprendere questo tipo di viaggio, vediamo di fare un po' di chiarezza.

Turismo: un’estate ancora in perdita e la speranza dei corridoi turistici

L’intero comparto turistico, dalle agenzie di viaggi ai vettori aerei, chiede alla politica risposte chiare e tempestive per ripartire; valutando la reale necessità di prolungare restrizioni e il beneficio effettivo dei corridoi Covid-free.

La ripresa dei voli europei

Grazie all'applicazione di sconti sui biglietti aerei e all'introduzione del passaporto digitale COVID-19, sembra ci sia una ripresa dei voli europei dopo il brusco calo causato dalla pandemia.