Formazione

I Social Network sono tutti uguali?

Monitorare i bisogni degli utenti con i social networks

Come comprendere i bisogni degli utenti e dei clienti in agenzia monitorando i social? È possibile? Da una parte non sono stati ancora trovati i segni effettivi di una crisi dei social network. Secondo i dati che riguardano le caratteristiche socio-demografiche degli iscritti o le loro abitudini online, non c’è ancora niente di certo.

I social network si sa, sono una parte imprescindibile della nostra vita. Abbiamo costantemente lo sguardo rivolto verso uno schermo luminoso: chat, foto, bacheche, share… Ma non tutti i social network sono uguali e, ognuno di questi, ha un ruolo e proprie peculiarità.

In questo contesto di continua connessione, si parla di “always on”, i brand possono valutare strategicamente ogni canale e sfruttarne le opportunità di marketing. Conoscere come i social vengano usati dagli utenti e con che scopi, permette ai brand di incanalare informazioni specifiche per ogni canale e indirizzarle al proprio target.

I social sono davvero dei canali di vendita?

I social network oggi sono un mondo estremamente complesso e dinamico. In costante aggiornamento. Facebook, Instagram, Twitter, sono governati da leggi e variabili imprevedibili. Tuttavia, se gestiti adeguatamente, possono agevolare la nostra comunicazione aziendale, trasformandosi in vere e proprie casse di risonanza. Dei canali in grado di amplificare i nostri contenuti sfruttando la grande notorietà di cui sono costituiti.

È quindi nostro il compito quello di “farceli amici” stando al passo con l’evoluzione proposta dai loro algoritmi e dalle loro costanti novità. Qui le persone si iscrivono e passano gran parte della propria giornata mettendosi in contatto con il proprio network, o scorrendo passivamente la feed (bacheca) alla ricerca del contenuto giusto che colpisca la loro attenzione.

Monitorare i bisogni degli utenti e rendere proficua la presenza sui social

Tutto ciò che possiamo fare è prendere coscienza del cambio di tendenza e puntare ad azioni più razionali e concrete. Come? Semplicemente informando e conversando con il nostro pubblico. Regalando del materiale informativo, chiedendogli consigli per poi ascoltarlo attivamente. In poche parole, dobbiamo coinvolgerlo, donandogli quindi una reale motivazione affinché continui a seguire la nostra pagina, o il nostro profilo.

Devi imparare a essere attrattivo, a generare informazioni e dialoghi aperti, con l’obiettivo di instaurare rapporti duraturi. Evitare di ricercare la vendita matta e disperata del prodotto o del pacchetto viaggi con squallide offerte promozionali. Vendere e guadagnare devono essere naturale conseguenza di un rapporto di fiducia con l’utente.

Le piattaforme social oggi danno priorità ai contenuti che il pubblico vuole realmente vedere e l’interazione con i brand è facilitata dai termini del pubblico. Gli utenti scelgono cosa vogliono vedere e quando vederlo.

Quindi, perché non ti prendi il tempo per capire il tuo pubblico e consegnare il messaggio in modo che siano aperti a impegnarsi? Invece di trasmettere semplicemente informazioni a loro?

Impara a monitorare i social per comprendere i reali bisogni dei tuoi follower. Utilizza questi nuovi canali di vendita indiretta in grado di fare leva su emozioni e stimoli costanti. Dove solo chi è in grado di donare più informazioni, divertimento e qualità riesce a prevalere sulla concorrenza. Accaparrandosi la fetta di mercato più rilevante.

Monitorare i bisogni degli utenti su Facebook, Instagram e Twitter

DataInsight fornisce il quadro sui tre principali social Facebook, Instagram e Twitter. Il team di esperti dei dati dell’agenzia di comunicazione Havas Media Group ha svolto un sondaggio su 200 utilizzatori dei social network tra i 18 e 55 anni.

Secondo la ricerca, Facebook è il social più utilizzato e principalmente per 3 motivi:

  • mantenere le relazioni con amici e parenti (77%)
  • informarsi su notizie ed eventi nella propria città (45%)
  • distrarsi (65%)

lo capiamo bene se pensiamo allo scroll che facciamo sui social, spesso senza uno scopo.

Ormai i fruitori di Instagram non sono solo appassionati di foto. Gli iscritti usano il social come una vetrina per ammirare e trovare nuovi prodotti. Ma anche per conoscere luoghi lontani o scegliere destinazioni per i propri viaggi.

In passato Instagram era più un diario personale su cui caricare gli scatti più belli delle proprie giornate e condividerli con i followers. Oggi è un vero e proprio contenitore di informazioni di ogni tipo. La tendenza è quella di assomigliare sempre più a un canale di comunicazione popolare e l’utilizzo delle storie lo rende ancor più apprezzato da giovani e meno giovani.

Per quanto riguarda Twitter i suoi iscritti lo usano soprattutto per informarsi. La piattaforma viene concepita principalmente come un’edicola 2.0. La maggior parte del tempo trascorso su Twitter è impiegato per ricevere informazioni in tempo reale dai blogger, a cui è attribuita autorevolezza nei settori di appartenenza.

Per strategie di marketing efficaci per le agenzie di viaggio, risulterà quindi fondamentale utilizzare i social network per creare engagement e per dare massima visibilità alla vostra agenzia!

Read more about articoli della categoria Formazione

Agenzia di Viaggi: Meglio il Sito o la pagina Facebook?

La domanda che prima o poi ogni agente di viaggio si fa: meglio il Sito web o la pagina Facebook per una Agenzia di Viaggi? In questo articolo Travelgood ti aiuta a considerare tutti i pro e i contro della scelta.

WhatsApp Marketing per Agenzie Viaggio, scopri se fa per te

Vediamo come utilizzare al meglio WhatsApp Marketing per le Agenzie Viaggio. In questo modo potrai valutare se dar vita ad una strategia di marketing vincente per anche per la tua agenzia viaggi.

Perché avere un Blog per le agenzie di viaggio

Tanti i nuovi metodi per comunicare ai clienti che sono nati negli ultimi anni, uno dei più diffusi e utilizzati dalle aziende è il blog. Ma perché avere un blog nelle agenzie di viaggio?